mercoledì 15 novembre 2017

PASSATO DI ZUCCA CON UOVA IN CAMICIA




Le uova in camicia con le zuppe di verdura sono molto gustose.

Le avevo già preparate in questa ricetta.

Oggi ho voluto provarle in questo gustoso passato di zucca.




INGREDIENTI
(per 4 persone)

600 g di zucca pulita

2 zucchine

2 carote

1 cipolla grande

1 spicchio di aglio

50 g di pancetta dolce a pezzetti

4 uova medie

2 fette di pane raffermo
1 rametto di rosmarino
4 fiori di rosmarino 


In una casseruola mettere le verdure tagliate a pezzi, coprire a filo con acqua calda, salare e lasciare cuocere per circa 30 minuti (fino a quando le verdure saranno belle tenere).

Frullare poi il tutto con un mixer ad immersione.

Tostare in un padellino la pancetta con il rosmarino e poi, nella stessa padella il pane tagliato a quadretti. Togliere il rosmarino. Tenere il tutto al caldo.

Rivestire 4 ciotoline con pellicola da cucina (controllare che sia priva di PVC) e spennellare con olio d’oliva, sgusciare all’interno un uova in ognuna, condire con un pizzico di sale e pepe, poi chiudere la pellicola come fosse un sacchettino, facendo un nodo in alto ben stretto.


Portare ad ebollizione dell’acqua in un pentolino, abbassare il fuoco e immergere il sacchettino con l’uovo tenendolo leggermente in sospeso aiutandosi con un paio di pinze. Cuocere per 4 minuti e poi immergere il sacchettino in una bacinella con acqua fredda.


Potete anche preparare l’uovo in camicia con il classico metodo di cuocerlo in acqua e aceto creando il vortice con una frusta.

Mettere nel piatto il passato, appoggiare al centro l’uovo tolto delicatamente dalla pellicola, decorare con la pancetta, il pane tostato e i fiori di rosmarino.





lunedì 13 novembre 2017

NASELLO CON FRUTTI DI MARE AL CARTOCCIO E BIETOLE




Questa settimana protagonista della rubrica Light and Tasty   è il pesce.

Quello che ho scelto per la mia ricetta è il nasello che ha una carne particolarmente nutriente, sana e digeribile e un apporto energetico molto basso, 71 calorie per ogni 100 g, e che quindi viene sovente utilizzato nelle diete ipocaloriche.

Le proteine contenute nel nasello sono di alto valore biologico e, nonostante sia una carne povera di grassi, contiene buone quantità di acidi grassi essenziali della famiglia Omega 3. 

Ho unito anche qualche frutto di mare per aumentare il sapore e la sapidità ed evitare così l'aggiunta di sale, e foglie di bietola per farne un piatto completo.




INGREDIENTI
(per 2 persone piatto completo – oppure per 4 persone come antipasto)

-2 filetti di nasello
-2 tazze di frutti di mare misti (io cozze, vongole e fasolari)
-6 foglie di bietola colorata
-1 manciata di pomodorini
-2 rametti di prezzemolo
-1 spicchio d’aglio




Accendere il forno a 180°.

Pulire molto bene i frutti di mare strofinandoli con uno spazzolino e poi lasciateli a bagno in acqua fredda e sale in una ciotola, ponendo sul fondo un piatto rovesciato (questo darà modo alla sabbia di depositarsi).

Pulire e lavare le foglie di bietola e tagliare in 2 i pomodorini, sbucciare lo spicchio d’aglio e tagliarlo in due.

Su una grande teglia da forno mettere un foglio doppio di carta forno, appoggiare sulla carta le foglie di bietola.




Aggiungere poi il filetto di nasello, i pomodorini, l’aglio, il prezzemolo e i frutti di mare.

Irrorare con un filo di olio extra vergine. Non salare perché i frutti di mare, rilasciando la loro acqua, insaporiranno la pietanza.




Chiudere il cartoccio e farne un secondo uguale.


Cuocere in forno per 25 minuti.

Lasciare riposare 5 minuti e poi servire il cartoccio ancora chiuso.

Ogni commensale aprirà il proprio cartoccio che sprigionerà tutto il suo invitante profumo.


 
Io ho servito con un cucchiaino di salsa al sedano sopra al nasello, molto delicata, che ha aggiunto pochissime calorie.  La ricetta la trovate  QUI.




Vediamo ora tutte le ricette delle amiche del team e ricordate che il pesce andrebbe consumato almeno due volte alla settimana.




Carla Emilia: Codine di pescatrice al cartoccio

Daniela: Merluzzo in umido con patate 

Elena: Trota salmonata con funghi e patate 

Eva: Sgombro su mousse di patate e carote 

Maria Grazia: Sgombro all'arancia  

Simona: Baccalà al rosso e al verde (light)








sabato 11 novembre 2017

LIQUORE DI GIUGGIOLE E GIUGGIOLE AL CORNIOLINO




I liquori casalinghi sono sempre fonte di soddisfazione specialmente se vengono realizzati con i prodotti del proprio orto o giardino.

Ho una piccola pianta di giuggiole che mio zio mi ha regalato alcuni anni fa e che ad ogni autunno mi regala delle giuggiole buonissime, gustose e croccanti.

Quest’anno il raccolto è stato generoso e ho voluto provare questo liquore.



 
INGREDIENTI
(per 2 bottiglie da 1 l + 3 vasi di giuggiole)

-1 Kg di giuggiole mature

-1 l di alcool

-200 g di zucchero

-La buccia di 1 limone

-La buccia di 1 arancia


-1 l di acqua

-500 g di zucchero


-1 bottiglia di liquore di corniolo 


Lavare le giuggiole e lasciarle asciugare al sole sopra un canovaccio pulito.

Metterle in un vaso con la bocca grande con l’alcool, 200 g di zucchero, la buccia del limone e dell’arancia.



Lasciare al sole per 10 giorni scuotendo il vaso ogni giorno.

Far poi sciogliere 500 g di zucchero in 1 l di acqua, lasciare raffreddare completamente e mettere anche questo sciroppo nel vaso con le giuggiole e lasciare sempre al sole per altri 10 giorni.

Dopo il riposo, filtrare e imbottigliare e conservare al buio per almeno 1 mese prima di assaggiare.




Le giuggiole rimaste sono ottime da mangiare e possono essere conservate in vasetti coperti da un liquore leggero, io ho messo quello di corniolo che avevo in dispensa.




mercoledì 8 novembre 2017

TORTINI MELA E GIANDUIOTTO




Qualche mese fa mio nipote mi ha regalato un vasetto di deliziosa crema gianduiotto della pregiata pasticceria Pfatisch di Torino.

Ecco l’ispirazione per questi tortini semplici che deliziano il palato al primo morso e visto che oggi sarebbe stato il compleanno del suo papà, lo dedico a lui.

Buon compleanno Ivo, ovunque tu sia.




INGREDIENTI

(per 12 tortini)

-2 uova a temperatura ambiente

-4 cucchiai colmi di zucchero

-80 g di burro sciolto e lasciato raffreddare

-12 cucchiai di bevanda alla nocciola e riso

-200 g di farina 0 debole auto lievitante (oppure farina e 2 cucchiaini e ½ di lievito)

-1 cucchiaino di essenza di vaniglia (io fatta in casa)

-3 piccole mele golden

-2 cucchiaini di zucchero di canna fine

-1 cucchiaino di cannella in polvere

-2 cucchiai di Alchermes

-1 cucchiaio di liquore alla nocciola

-Il succo di 1 limone

-Granella di nocciola

-6 cucchiaini di crema gianduiotto (se non l’avete acquistate 6 gianduiotti e tagliateli in 2)



Tagliare una mela a fettine sottili ricavando 12 fettine. Tagliare le altre due a pezzetti. Spolverare le mele  con lo zucchero di canna, succo di limone e i liquori.


Accendere il forno a 170°. 

Mettere i pirottini di carta nell’apposita teglia.


Montare con una frusta elettrica ad alta velocità, le uova e lo zucchero fino a quando saranno bianchi e ben montati, aggiungere il burro sempre mescolando con la frusta a bassa velocità, la vaniglia, la cannella e la farina setacciata con il lievito, poca alla volta, alternandola con la bevanda alla nocciola. 

Incorporare nell’impasto utilizzando una spatola le mele a pezzetti e il loro liquido.

Versare nel pirottino un cucchiaio d’impasto, mezzo cucchiaino di crema gianduiotto e un altro cucchiaio d’impasto.






Appoggiare sul tortino due fettine di mela, un pizzico di zucchero semolato e granella di nocciola.


 Cuocere per 20 minuti. 

Togliere dal forno. Lasciare raffreddare 15 minuti e poi togliere i pirottini dalla teglia e lasciarli raffreddare completamente su una griglia.

Si conservano morbidi 3 giorni, ma non durano mai così tanto.